Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2011

Certificazione Energetica degli edifici - Calcolo semplificato

La procedura di calcolo descritta in questo articolo corrisponde al metodo di calcolo semplificato indicato sulle Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici. Tale metodologia può essere utilizzata per gli edifici residenziali esistenti con superficie utile inferiore o uguale a 1000 m2 e ha come scopo la determinazione delle prestazioni energetiche invernali dell'edificio EPi. Per il calcolo di altri parametri bisogna far ricorso a metodologie diverse.
Il metodo di calcolo semplificato, anche se in alcuni casi ammesso dalla legislazione, non dovrebbe essere utilizzato da chi svolge l'attività di Certificatore Energetico a livello professionale in quanto non è sufficientemente accurato e non tiene conto di situazione specifiche. Ciò può portare a valutazioni errate dell'ordine di alcune Classi Energetiche. 
La sua semplicità lo rende però adatto a chi, avendo un minimo di conoscenze tecniche e scientifiche, voglia comprendere meglio in cosa consist…

Classe Energetica degli edifici, un'invariante in Classe G

La Certificazione Energetica nata come iniziativa comunitaria per valutare e contenere i consumi energetici degli edifici rappresenta una ghiotta opportunità di lavoro per i professionisti (architetti ed ingegneri), una gatta da pelare per costruttori e proprietaried una grossa incognita per gli acquirenti ed affittuari.
Le agenzie immobiliari, crocevia della maggior parte delle transizioni immobiliari, osservano gli eventi in bilico tra sentimenti opposti. Da un lato (i più) percepiscono la Certificazione Energetica come un onere che deprime ulteriormente il già depresso mercato della compravendita e della locazione,dall'altro (i meno) ritengono che la Classe Energetica possa aggiungersi agli altri parametri più tradizionali (dimensione, organizzazione degli spazi, servizi, vicinato, etc) per meglio guidare le scelte degli acquirenti ed affittuari.
Lasciando perdere le nuove o recenti costruzioni che rappresentano, per quantità, una frazione poco significativa del parco immobili…

Come ribassare un olivo

L'altezza di una pianta di olivo è bene che sia contenuta al di sotto di 5 metri. Questo non solo favorisce la produttività della pianta ma rende più agevoli e meno pericolose la raccolta dei frutti, le successive potature e gli eventuali trattamenti fitosanitari. Inoltre, gli olivi devono ricevere luce per essere produttivi e l'altezza delle piante deve essere commisurata alla loro distanza reciproca per evitare che si ombreggino fra di loro.

L'esigenza di ribassare una o più piante di olivo è più frequente di quanto si possa immaginare. A volte si tratta di riprendere un uliveto abbandonato o delle piante trascurate perché in luoghi marginali (argini, etc). Ma questa esigenza si verifica anche in uliveti perfettamente gestiti perché le piante inesorabilmente crescono.

Nel caso di olivi abbandonati l'operazione di ribassare le piante può risultare difficile e pericolosa. La difficoltà e pericolosità è in qualche modo proporzionale al periodo di abbandono ed al vigore …

Natura e gastronomia in Serbia

Alcuni dei più affezionati lettori di questo blog si ricorderanno che alcuni miei articoli sono dedicati alla Serbia. Un paese che ho la fortuna di visitare spesso, che mi incuriosisce ed ogni volta mi sorprende. Inebriato dai sapori, e probabilmente anche dai massicci quantitativi di rakija, ho provato a raccontare della cucina di questi luoghi.

Finalmente i miei maldestri tentativi di rendere merito a questo magnifico territorio ed alla sua ricca gastronomia saranno risanati. Guardate questa breve presentazione e se ne avete voglia ditemi cosa ne pensate.


SOULFOOD Serbia 4' 13'' from SENSE Production on Vimeo.

Guida alla potatura ed al taglio di alberi

In alcuni post tratto della potatura senza approfondire le modalità con cui effettuare i tagli e soprattutto le precauzioni necessarie per mettere in sicurezza le persone e le cose.

La potatura ed il taglio di alberi in generale è una attività da non sottovalutare per varie ragioni. Innanzitutto per il pericolo a cui si è sottoposti trovandosi spesso ad operare su di una scale e con una motosega. Inoltre la caduta dei rami e l'abbattimento degli alberi può costituire un grave pericolo per se stessi, per altre persone e "cose" vicine. Detto questo se non siete certi delle vostre abilità o nel caso di taglio e potatura di alberi di grandi dimensioni rivolgetevi a qualche esperto soprattutto se si trovano vicino a fabbricati, strade, tralicci, etc.

Di seguito riporto alcuni consigli su come operare per la potatura ed il taglio di alberi. Il contesto è quello della campagna toscana. Non vi sono pertanto le situazioni critiche che si presentano nei centri abitati o lungo le …

Nuovo sito-web della Leonardo Corporation

Da alcuni giorni è stato lanciato il nuovo sito web della Leonardo Corporation di Andrea Rossi, l'inventore dell'E-cat. Lo slogan nell'intestazione è ambizioso, Leonardo Corporation apre l'era della fusione a freddo.


Ma anche la data del lancio del sito, 11.11.11è suggestiva.Una data certamente singolare e forse propiziatoria.

Il sito si presenta ben articolato e riporta già numeroso informazioni. Particolarmente interessante la presentazione dei prodotti in vendita: l'impianto E-cat da 1 MW disponibile per la vendita a clienti qualificati e l'E-cat da 5 kW per riscaldamento domestico che sarà commercializzato a partire dal 2013.

Update del 13 Novembre 2011
Andrea Rossi in un commento sul journal of nuclear physics avvisa che il sitoweb di cui sopra non è il loro sito....


Post correlati:
Fusione nucleare a freddo, l'E-cat di Andrea Rossi sembra che funzioni
E-cat, una seconda chance per l'umanità... è difficile crederci
E-cat, il giorno dopo. Chi è il clie…

Confronto combustibili per riscaldamento - prezzi e caratteristiche

Nella tabella sottostante trovate l'elenco dei principali combustibili utilizzati per riscaldamento, i prezzi e le caratteristiche energetiche (potere calorifico inferiore). Per facilitare il confronto nell'ultima colonna è riportato il prezzo per kWh.


Il Legno risulta il combustibile più conveniente. Seguono Metano, Gasolio, GPL e ad ultimo l'energia elettrica, la più cara.

Per calcolare l'energia utile per il riscaldamento bisognerebbe tener conto dell'efficienza degli impianti. Le caldaie a gas e gasolio hanno rendimenti medi di circa 0,75, quelle a legna 0,7 mentre un radiatore elettrico ha rendimento pari ad 1,0.

In questa ipotesi il GPL guizza all'ultimo posto per convenienza (0,21 euro/kWh) insieme al gasolio (0,20 euro/kWh). Il metano (0,12 euro/kWh) resta decisamente più conveniente rispetto a GPL, gasolio e corrente elettrica ma non può certo competere con la legna che con un costo di appena 0,04 euro/kWh risulta il combustibile più economico.


Post c…

Il sito di Andrea Rossi, Journal of Nuclear Physics, colpito da un'attacco hacker

La popolarità raggiunta in queste ultime settimane da Andrea Rossi, l'inventore dell'E-cat, è alle stelle. Su Google Trend è possibile constatare questa incredibile ascesa che, iniziata nell'aprile di quest'anno, non accenna a fermarsi.

In realtà della sua invenzione, che promette di rivoluzionare il mondo delle energie, non si sa molto. Quasi tutte le informazioni provengono da Andrea Rossi stesso. Il suo sito, in particolare, è una delle fonti che alimenta tutta la blogosfera. Ebbene, questa mattina risultava inaccessibile. Ciò ha messo un po tutti gli appassionati di questa vicenda in subbuglio. Cosa mai sarà successo?

La risposta giunge direttamente da Andrea Rossi che sostiene di essere stato colpito da un'attacco hacker. E' possibile leggerla per esteso direttamente sul suo sito.

Post correlati:
Fusione nucleare a freddo, l'E-cat di Andrea Rossi sembra che funzioni
E-cat, una seconda chance per l'umanità... è difficile crederci
E-cat, il giorno dopo…

Come risparmiare sul riscaldamento

La spesa per il riscaldamento è tra le voci del bilancio familiare che incide maggiormente. Ciò dipende da molteplici fattori tra cui il costo del combustibile, lo stile di vita, la tipologia e le condizioni dell'impianto e naturalmente anche dalle caratteristiche dell'abitazione quali posizione geografica, forma, orientamento, esposizione e qualità dell'involucro edilizio. Può persino dipendere dalle abitudini del vostro vicino di casa.

L'Italia fortunatamente ha un clima temperato ma è anche vero che il parco degli edifici ha pessime caratteristiche termiche e che la maggior parte dei Comuni si trovano nelle zone climatiche D, E ed F, le più fredde del territorio italiano.

Le strategie per contenere la spesa per il riscaldamento sono numerose. In alcuni casi si tratta di semplici accorgimenti o piccoli interventi in altri di cambiamenti radicali. Di seguito trovate un'elenco di suggerimenti che col tempo mi ripropongo di ampliare in modo da fornirvi una guida se…

Quando accendere il riscaldamento - le zone climatiche ed i gradi giorno

Con l'arrivo dei primi freddi autunnali in molti si domandano da che giorno è possibile avviare l'impianto di riscaldamento. Tale data, infatti, non è la medesima su tutto il territorio italiano. Nelle zone più temperate del Sud bisogna attendere fino al 1 Dicembre mentre per alcune zone del Nord non vi sono limitazioni e se fa molto freddo si può accendere il riscaldamento anche per ferragosto.

Il periodo di riscaldamento e quindi le date di accensione e spegnimento degli impianti così come il numero di ore giornaliere di funzionamento è stabilito per legge in funzione della zona climatica in cui si vive.

Con il DPR 412/93 il territorio italiano è stato suddiviso in 6 zone climatiche designate con le lettere A, B, C, D, E, F dalle più miti alle più rigide in funzione dei Gradi Giorni (GG) della località. I Gradi Giorno si determinano calcolando giorno per giorno, durante tutta la stagione di riscaldamento, la differenza tra la temperatura all'interno dell'abitazione …

La legna come combustibile per il riscaldamento

La legna è un ottimo combustibile. Il suo impiego per riscaldamento e per la cottura dei cibi risale alla notte dei tempi e solo negli ultimi secoli è stato progressivamente accantonato preferendo prima il carbone, poi il petrolio ed infine il gas. Indubbiamente la facilità di gestione ed utilizzo del gas naturale ha rappresentato un salto nella modernità al quale non si poteva rinunciare, specie nelle città e metropoli. Tuttavia, nelle località montane e rurali l'uso della legna per riscaldamento è rimasto abbastanza diffuso. Ultimamente a causa dell'aumento del costo dei combustibili, in particolare gasolio e gas, la legna sta ritornando in auge.

La legna, come combustibile, presenta numerosi vantaggi. Innanzitutto le stufe e caldaie a legna di ultima generazione offrono rendimenti elevati ed una buona installazione garantisce assenza di fumi negli ambienti. Ma l'aspetto più interessante è che si tratta di una risorsa rinnovabile con un costo decisamente inferiore rispe…