Passa ai contenuti principali

Mini guida alla coltivazione, raccolta e conservazione delle nocciole

COLTIVAZIONE
Il nocciolo è una pianta robusta con comportamento cespuglioso e pollonifero. Può essere coltivato a cespuglio o ad albero eliminando i polloni alla base.

nocciolo cespuglio
Le piante possono essere disposte a 4, 5 metri di distanza l'una dall'altra. Nel tempo conviene contenere l'altezza per evitare che le fronde vadano a costituire una coltre troppo fitta ed inpenetrabile alla luce.

Il suolo rimane abbastanza pulito e richiede uno o due interventi di pulizia all'anno dalle infestanti. Il fogliame ed i residui di potatura, unitamente all'ombra creata dalle fitte fronde, favoriscono la formazione di un terreno torboso.

nocciolo albero
Se avete scelto di coltivarli ad albero dovrete recidere i polloni con frequenza, anche 3, 4 volte l'anno.
Il nocciolo è molto resistente ai tagli per cui è possibile ogni 5, 6 anni ringiovanire la pianta ribassandola e contenendola in larghezza.

Personalmente non uso ne concimi ne prodotti fitosanitari perché ho scelto una coltivazione naturale e non ho notato ne malattie ne cali di produzione significativi e le nocciole sono ottime. Capita di trovare qualche guscio vuoto e qualche frutto marcio ma la percentuale di quelle sane supera il 95%.

PROPAGAZIONE
Sin'ora sono riuscito a propagare piante di nocciolo per separazione di polloni basali, per propaggine e con molte difficoltà anche per talea.

RACCOLTA
La raccolta, sulle Colline Pisane, in Toscana inizia dalla seconda meta di agosto e prosegue a tutto settembre. In genere si raccolgono le nocciole da terra dando prima qualche bello scossone ai rami per favorire la caduta di altri frutti maturi.

nocciole
Le nocciole sono particolarmente contese anche da cinghiali e scoiattoli per cui non conviene temporeggiare troppo nel raccoglierle. Se aspettate che siano tutte a terra rischiate di trovarne ben poche. In questo caso conviene raccoglierle con più frequenza, magari ogni 4, 5 giorni.

Per noccioleti importanti la coltivazione è molto meccanizzata. Per la raccolta si utilizzano vari marchingegni tra cui aspiratori capaci di separare le nocciole dal fogliame e rametti. Per le mie esigenze mi rassegno a raccoglierle da terra a mano. In questo modo se ne riescono a raccogliere qualche chilogrammo all'ora.
Ricercando in internet qualche sistema più efficace ma intermedio tra l'aspiratore e la raccolta a mano, mi sono imbattuto in un simpatico oggetto che vorrei tanto provare.



Vi lascio anche il link del distributore per l'Europa: http://www.i-roll-it.com/en/index.html


CONSERVAZIONE
Le nocciole raccolte, vanno lasciate al sole ad essiccare per almeno una settimana. Possono essere stese su un piazzale soleggiato oppure sistemate in un essiccatoio. Da alcuni anni ne ho realizzato uno molto artigianale che per i miei quantitativa assolve allo scopo egregiamente. Di tanto in tanto conviene rigirarle in modo che l'essiccazione sia uniforme.

Stivate in un luogo secco ed arieggiato le nocciole in guscio si possono mantenere anche per anni. Si conservano molto bene anche sgusciate e tostate. Anche per sgusciarle esistono dei macchinari appositi ma nel mio caso procedo in modo tradizionale con uno schiaccia noci o con un martello.
Per la tostatura potete sistemare le nocciole in una teglia e lasciarle per una ventina di minuti al forno a 100°C. Una volta sfornate potete sistemarle in uno straccio e strofinarle per eliminare la pellicola che ricopre il frutto. Normalmente le conservo dentro barattoli di vetro e si mantengono a lungo. Quanto, non riuscirò mai a scoprirlo perchè finiscono mangiate e regalate in pochi mesi.

Commenti

  1. Noccioleeee??? uhm..gnam gnam...
    Ne siamo golosi! ( comincia a diventare sempre più grande la voglia di venirvi a trovare..hehehe:DD)
    ciao val

    RispondiElimina
  2. Ciao Val, io adoro le nocciole specie quelle tostate. Tra le mie debolezze c'è la cucchiaiata di nutella con nocciole. Ma è una cosa pericolosa perchè da dipendenza.
    Ciao Max

    RispondiElimina
  3. Ciao, quest'anno ho visto spuntare per la prima volta delle nocciole, soltanto che quando le ho assaggiate erano troppo amare per poterle mangiare. Giusto per capirci, era fine agosto, una parte delle nocciole era caduta a terra, un'altra era ancora sull'albero. Mi sai dare qualche suggerimento per consumarle e conservarle al meglio, sia fresche che essiccate ? Te ne sarei molto grato soprattutto perche' mia figlia ne e' ghiotta... come uno scoiattolo. Grazie :)

    RispondiElimina
  4. Ciao Francesco. Non posso dirti di più di quanto già detto nel post. Le nocciole in guscio vanno fatte dapprima essiccare al sole. Poi le puoi conservare in un luogo asciutto ed areato.
    Se invece le sgusci conviene tostarle ed anche in questo caso conservarle in un luogo asciutto.
    Se le nocciole sono sane non dovrebbero risultare amare. In alcuni casi quando il frutto è attaccato da parassiti (alcune tipologie di cimici)diventa immangiabili per il sapore amaro.
    Un saluto

    RispondiElimina
  5. Scusatemi ma non ho esperienza: i polloni sono maschi o femmine? per certi alberi occorre abbinarli di sesso diverso per consentire l'impollinazione. Col nocciolo è lo stesso? Se è così anzicchè piantare tanti polloni magari dello stesso sesso, conviene comprare gli alberelli al vivaio? Grazie a qualche esperto che vorrà rispondere ai miei interrogativi: v.wraimer@virgilio.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anonimo, le piante di nocciolo producono sia fiori maschili che femminili ma in epoche diverse. Ciò rende le piante della medesima cultivar autosterili. Per questo bisogna abbinare una diversa cultivar impollinatrice. In altre parole oltre all'impianto di polloni devi piantare un certo numero di piante diverse (8-10%) che abbiano buona compatibilità genetica e fenologica.

      Elimina
  6. Il link dell'attrezzo per raccogliere manualmente le nocciole non funziona. Ho trovato questo e ne ho sentito parlare bene. Nel sito parlano che si riesce a raccogliere anche più di 20 kg all'ora: http://www.bestprato.com/raccolta-nocciole-olive-roll-in-kit.html

    RispondiElimina
  7. Grazie per le info! Abbiamo raccolto proprio ieri una bella bustona di nocciole e ora ci apprestiamo a conservarle dopo l'asciugatura...

    RispondiElimina
  8. Ho appena raccolto diversi kg di nocciole dal mio albero (Segrate, provincia di Milano) della specie oblunga. Per la maggior parte sono molto belle e piene, ma sono maledettamente amare. Non ho notato tracce di insetti (cimici) che potrebbero averle contaminate. Potrebbero essere di una specie che ha queste caratteristiche? Che cosa posso fare per eliminare l'inconveniente? grazie per i consigli che mi vorrete dare.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Smaltimento acque reflue - fossa Imhoff e subirrigazione

Le case in campagna difficilmente possono usufruire dell'allacciamento alla rete fognaria e devono provvedere autonomamente alla realizzazione di un impianto di depurazione a norma di legge che tratti opportunamente le acque reflue.

La pratica più diffusa è di convogliare tutti gli scarichi ad una fossa Imhoff collegata ad un impianto di subirrigazione. La norma prevede inoltre che gli scarichi delle cucine, prima di entrare nella Imhoff siano intercettati da pozzetti sgrassatori.
Foto: pozzetti sgrassatori (mancano ancora le tubazioni in ingresso!)

Le fosse Imhoff sono costruite generalmente in polietilene e sono composte da una vasca principale detta digestore (dove avviene la fermentazione anaerobica - processo biologico) e da una seconda vasca, posta all'interno della prima, detta sedimantatore (processo fisico).
Foto: fossa ImHoff

Come calcolare il volume di una fossa ImHoff?
La dimensione (il volume) delle fosse imhoff si basa sul numero di Abitanti Equivalenti (AE) tenend…

Cassetta Geberit, un rompicapo idraulico

Oggi ho avuto un incontro ravvicinato con la cassetta Geberit. Si chiama così uno dei più eleganti e funzionali sistemi di risciacquo. Per chi non la conoscesse sto parlando dello sciacquone del WC, così come lo abbiamo sempre chiamato, in modo chiaro ed efficace, da alcuni secoli a questa parte.

Tornando alla Geberit, dopo 5 anni di impeccabile servizio, questa mattina ha iniziato a perdere, o meglio a lasciar scorrere un rigagnolo d'acqua senza interrompersi come avrebbe dovuto.

Il modello in questione è la Geberit Unica con i due pulsanti che permette fra l'altro di ridurre i consumi di acqua. Armato di cassetta degli attrezzi ho iniziato a smontare la mascherina. Sotto la mascherina si trovano ancora alcuni elementi da rimuovere, una placchetta ad incastro che blocca le due levette che azionano il risciacquo, poi una piastrina su cui è incollato un foglietto con le istruzione ed il telaio. Le istruzioni, relative allo smontaggio appena descritto, sono una sequenza di vign…

La potatura dell'olivo - potatura di produzione

Nella potatura di produzione degli olivi ci sono due obiettivi fondamentali:
mantenere la formaavere prodotto Qui in Toscana le piante sono allevate a vaso con tre o quattro branche principali.


Personalmente preferisco contenerne l'altezza attorno ai 4-5 metri. In questo modo buona parte della potatura e della raccolta può essere fatta da terra e comunque non è necessario utilizzare scale alte a vantaggio della sicurezza. Un tempo si preferivano piante più alte per ricavarne legna da ardere e per evitare che il bestiame rovinasse le fronde più basse.
In generale la pianta và dimensionata per il nutrimento disponibile.

Nella foto sotto mostro un oliveto abbandonato ed improduttivo. La vegetazione è solo in alto.


Ciò accade anche dopo una gelata, un'incendio o semplicemente quando la pianta èinfestata dai rovi. In questo caso converebbe forse tagliare la pianta al piede ed allevare i polloni.
In ogni caso ogni 15-20 anni una pianta può essere tagliata al ceppo per ringiovanirla.…

Quanto rende un uliveto

Quest'anno, qui in Toscana, la raccolta delle olive non è stata così abbondante come l'anno scorso. I più lamentano un calo di circa il 50%. Si tratta di dati non rigorosi appresi dal vicinato e da qualche "chiacchiera da frantoio".
Con la raccolta e frangitura delle olive oramai al termine è anche il momento di bilanci. Naturalmente in questa analisi considererò dei dati medi relativi all'area delle Colline Pisane ed ipotizzando la gestione di un piccolo appezzamento di terreno a gestione familiare in regime di coltivazione biologica. Per grandi coltivazioni le cose sono assai diverse.

Torniamo allora al nostro piccolo uliveto e visto il periodo iniziamo i nostri ragionamenti a partire dalla raccolta eseguita in modo tradizionale a mano. In media da un albero si ricavano 15 kg di olive.In una giornata si raccolgono circa 90 kg di olive, circa 6 piante.Con queste ipotesi, nel periodo di raccolta, che và dal 15 ottobre al 15 dicembre, per un totale di 60 giorni di …

Trattamenti dell'olivo

Dei veleni non vorrei parlarne ma è tuttavia necessario conoscere il loro modo di agire per comprenderne le implicazioni ed i pericoli.
Quando, per contrastare la mosca dell'olivo, si trattanogli olivi con i veleni si colpisce la larva (trattamenti larvicida), non le uova e tantomeno la mosca. Il problema è capire se la larva è viva. In questo caso è il momento di trattare, sempre che non si voglia raccogliere a breve!

Per analizzare le olive e l'eventuale presenza di larve si può utilizzare una lente da filatelico.

I prodotti ad elevato potere di citotropicità, penetrano molto all'interno del frutto, in profondità. La larva muore perchè mangia la polpa avvelenata.
Un altro parametro da tener presente è il tempo di carenza (mediamente 30 giorni). Bisogna attendere il tempo di carenza prima di raccogliere perchè al di sotto di questo tempo il veleno risulta ancora attivo, per noi! Per la mosca, o meglio per la larva, ciò che conta è la capacità di essere attivo (mediamente…