Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2010

Agrifiera di Pontasserchio

L'Agrifiera di Pontasserchio è una delle fiere agricole più simpatiche ed interessanti di tutta la provincia pisana. Si svolge ai piedi dei monti pisani all'interno del Parco della Pace e la bellezza di questo luogo ha sicuramente contribuito al successo di questa manifestazione ormai centenaria.
Se capitate da queste parti vi consiglio di visitarla possibilmente con bambini che si divertiranno di sicuro. All'interno si trova un po di tutto: vi sono spazi aperti dedicati al maneggio dei cavalli, esposizioni di piante ornamentali o da frutto, macchine agricoli, attrezzi da giardinaggio e svariati capannoni e chioschi che espongono le loro mercanzie.
Non mancano i luoghi dove rifocillarsi e le bancarelle di prodotti gastronomici. Quest'ultimi sono i più insidiosi; espongono i loro prodotti con subdole tecniche di merchandising e poi ti tentano con gli assaggini. E così che mi sono ritrovato a trasportare per la fiera un enorme pane di Altamura, una caciotta di pecorino …

Dichiarazione dei redditi fai da te

Questi giorni sono davvero densi d'impegni e tra olivi da potare ed erba da tagliare non vedo la fine. Mi sono inoltre imbarcato, in una fase sempre più spinta del fai da te, nella compilazione della dichiarazione dei redditi mia e di mia moglie. Nel nostro caso ho optato per il modello 730.


Sul sito dell'Agenzia delle entrate si trovano i vari modelli da compilare in formato *.pdf con le relative istruzioni. Queste sono un malloppo di 84 pagine che vi sconsiglio di stampare se non disponete di alcuni barili di colore ciano (o di nero, se vi accontentate di stamparle in B/N).
Il modello, invece, dovete stamparlo, perlomeno le prime 4 pagine.
Mi rimangono alcuni dubbi sulla compilazione che spero di risolvere magari con l'aiuto di qualche lettore commercialista. Ad esempio cosa bisogna indicare come sostituto d'imposta per un coltivatore diretto ?

Upgrade del 1 Maggio 2010
Per chi vive nella zona dell'Alta Valdera ricordo che i tributi pagati al Consorzio di Bonifica…

Banda larga senza fili nelle aree rurali

Oggi sono felicissimo. Dopo anni di attesa finalmente anch'io, in questa sperduta ma meravigliosa collina toscana, ho la banda larga.

Non larghissima, intendiamoci, ma abbastanza per non dovermi lamentare e per potermi addentrare in aree del web che in passato evitavo accuratamente. Dello streaming ne avevo solo sentito parlare ed evitavo foto, video e quei siti sfarfallanti pieni di gadget. Oggi volto pagina e mentre mia moglie si sfoga su youtube recuperando tutto ciò che non aveva visto negli ultimi anni (e se continua così forse ci riesce in pochi giorni!) ho voluto verificare la velocità della connessione.

Ecco il risultato del test eseguito con uno dei tanti strumenti che il web mette a disposizione e che senz'altro conoscete già. Ben 2,5 Mbit/sec nonostante mia moglie fosse alle prese con youtube.


Ad ogni modo, se a qualcuno dovesse servire, vi lascio il link per testare la linea: broadband speed test

Tutto questo grazie ad Elettropiccoli e non certo a Telecom o i nuovi …

Attrezzi agricoli elettrici a batteria

Per la gestione di un tipico terreno agricolo collinare coltivato ad olivi, vigneti e frutteti sono necessari diversi mezzi ed attrezzi agricoli. Parlando di quelli minori l'elenco degli attrezzi indispensabili comprende decespugliatore, motosega, cesoie,oltre naturalmente a zappe, vanghe, rastrelli, etc.

Mi riferisco, naturalmente, a terreni di pochi ettari perché per dimensioni superiori la gestione delle coltivazioni può essere più meccanizzata.

Come lamentavo in un mio precedente post, gli attrezzi agricoli a motore sono in generale fastidiosi e poco salubri. Tuttavia negli ultimi anni si sta diffondendo una nuova generazione di attrezzi più ecologici che costituiscono una buona alternativa per chi dovesse rinnovarli. Si tratta di dispositivi elettrici a batteria prodotti da prestigiosi marchi quali PellencFelcoInfacoCoimaCampagnolaed alcuni altri.

Non ho avuto, fin'ora, la possibilità di provarli singolarmente tutti ad eccezione delle cesoie Pellenc e Felco che mi…

I mezzi agricoli che rompono... la quiete delle campagne

Tempo addietro raccontavo con romanticismo dei profumi e dei suoni della vita in campagna. Parlavo anche dei sapori e delle bellezze, un tripudio per i 5 sensi. L'incantesimo tuttavia svanisce quando si gira la chiave del trattore.

Quando accendo il vecchio Fiat a cingoli le sbuffate di fumo nero mi soffocano e il frastuono mi stordisce. Il gatto si rintana a debita distanza e se potessero scapperebbero anche le piante. Una giornata sul trattore è massacrante per l'ambiente ma sopratutto per me, anch'io creatura dell'ecosistema da difendere.

Il mio cingolato non è nemmeno uno dei casi più disperati e nelle campagne attorno si incontrano mostri meccanici preistorici.  Non va meglio con gli attrezzi minori come motoseghe o decespugliatori. Quest'ultimo è il più fastidioso. Produce un ronzio con andamento sinusoidale come quello di un calabrone che ti gira intorno alla testa sfiorando le orecchie, ma più esasperante ed intenso. E' uno degli attrezzi indispensabili…

La qualità dell'acqua e le incrostazioni

Ogni settore "acquifero" è sviscerato ed analizzato per risparmiare il prezioso elemento. Tra le varie questioni vi è anche quella di utilizzare i famigerati "riduttori di flusso".


Nel comune in cui abito, a causa della durezza eccessiva dell'acqua, i riduttori di flusso, raccomandati per ridurre il consumo di acqua, si intasano  per le incrostazioni di calcare e probabilmente se non praticassi un minimo di manutenzione periodica a suon di anti calcare si formerebbero delle stalattiti da fare concorrenza alle grotte di Postumia. A causa delle perdite di portata, dovute alle incrostazioni, accade anche che la caldaia non "senta" la chiamata di acqua calda creando disagio e spreco di acqua.

Il problema è legato alle caratteristiche dell'acqua. La qualità dell'acqua, dalle mie parti, è ottima, almeno questo è quanto afferma la società Acque SpA. Proviene da alcuni pozzi ricavati nella falda alluvionale del fiume Era ad una profondità tra 10 e 50 me…