Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2010

Call Phone di Gmail - i dubbi del giorno dopo

Ieri mattina avevo scritto un breve post sulla nuova funzionalità Call Phone integrata in Gmail.
Dopo averci giocato per un po per capire se funzionava, l'icona è misteriosamente sparita.
Se dovesse capitare anche a voi il suggerimento è di cambiare, nell'impostazione generale di Gmail, la lingua scegliendo inglese USA; l'icona magicamente ricompare!

Per quanto riguarda il funzionamento, ho provato a telefonare in Italia ed il telefono squillava (ho provato a chiamare me stesso!). Non mi sono risposto anche perché avevo poco da dirmi e non volevo consumare quel piccolo credito di 0,1 dollari regalati da google per consentire di effettuare una prova a sue spese.

Sempre nel post precedente lamentavo dell'impossibilità di aggiungere credito usando l'interfaccia web dedicata. Infatti il link add credit è inattivo. Forse questa operazione può essere eseguita, disponendo di una carta di credito, tramite Google Checkout. E' solo una ipotesi e che non ho voluto verific…

La nuova funzionalità Call Phone integrata in Gmail

Oggi aprendo Gmail ho notato che qualcosa era cambiato. Sulla barra laterale a sinistra era comparsa una nuova icona: Call Phone.


Clikkando sull'icona si apre una finestrella con un tastierino numerico che dovrebbe consentire di effettuare chiamate via web a basso costo in tutto il mondo.


Una sorta di integrazione di Google Voice all'interno di Gmail.
Dalla finestrella con tastierino è possibile accedere ad una pagina web con l'elenco delle tariffe. I prezzi sono indicati in dollari.

Da una prima occhiata mi sembra che i prezzi siano molto concorrenziali ma ognuno dovrà valutarlo in funzione delle proprie esigenze. Nel mio caso trovo convenienti le chiamate ai fissi in Italia (0,02 $/min), quelle in Europa ed anche quelle in Serbia (0,09 $/min).

Sempre dal tastierino si può accedere ad una ulteriore pagina web di gestione. Da qui dovrebbe anche essere possibile aggiungere credito ma questa funzionalità non sembra funzionante al momento. Questo fatto compromette del tutto …

Che programmi avete per il 21-12-2012?

Che programmi avete per il 21-12-2012? Io penso che me ne starò rintanato in casa. Magari mi organizzero per tempo con un po di provviste giusto per evitare di dover uscire prima e dopo questa data. Osserverò il mondo dalle finestre, dal computer e dalla TV. Al momento le varie profezie specificano il giorno della catastrofe ma sono più vaghe sull'ora. Quindi, per chi come me non dispone di previsioni più accurate, l'allerta comincia allo scoccare della mezzanotte del 20 dicembre 2012. Che palle! La giornata andrebbe affrontata da ben riposati come quando si parte per un lungo viaggio!

Cadrà di venerdi e molti saranno già in ferie per un megaponte che se tutto va bene porterà fino al 2013. I più calcolatori si rifiuteranno di pagare il soggiorno in anticipo e gli operatori turistici si rifiuteranno di accettarlo. Così in vacanza andranno in pochi approfittando di offerte low cost o last minute perchè aspetterenno the day after per prenotare.

Se un giorno dopo ci sarà, prevedo…

Perchè la biodiversità è importante

Il 2010 è stato proclamato dall’ONU l'Anno Internazionale della Biodiversità. Ma cos'è la biodiversità e perchè è così importante?

Come in tutte le cose credo che, per impegnarsi in qualche impresa, sia necessario comprenderne bene le implicazioni e le motivazioni. Di biodiversità se ne è parlato tanto quest'anno ma dopo un'ondata di interesse l'attenzione per questo argomento è scemata e sembra un tema completamente ignorato anche dai governi.

Cos'è la biodiversità
Con il termine biodiversità si indicano tutte le forme viventi del pianeta, gli ecosistemi e la complessità delle interelazioni fra le specie. L'attuale livello di biodiversità è la conseguenza di un'evoluzione naturale che si è innescata miliardi di anni fa.

Estensione del concetto di biodiversità
L'importanza della biodiversità, per analogia, riguarda anche le diversità culturali dell'uomo. Si ritiene che anche queste abbiano un ruolo fondamentale per uno sviluppo sostenibile. Al p…

Mini guida alla coltivazione, raccolta e conservazione delle nocciole

COLTIVAZIONE
Il nocciolo è una pianta robusta con comportamento cespuglioso e pollonifero. Può essere coltivato a cespuglio o ad albero eliminando i polloni alla base.

Le piante possono essere disposte a 4, 5 metri di distanza l'una dall'altra. Nel tempo conviene contenere l'altezza per evitare che le fronde vadano a costituire una coltre troppo fitta ed inpenetrabile alla luce.

Il suolo rimane abbastanza pulito e richiede uno o due interventi di pulizia all'anno dalle infestanti. Il fogliame ed i residui di potatura, unitamente all'ombra creata dalle fitte fronde, favoriscono la formazione di un terreno torboso.

Se avete scelto di coltivarli ad albero dovrete recidere i polloni con frequenza, anche 3, 4 volte l'anno.
Il nocciolo è molto resistente ai tagli per cui è possibile ogni 5, 6 anni ringiovanire la pianta ribassandola e contenendola in larghezza.

Personalmente non uso ne concimi ne prodotti fitosanitari perché ho scelto una coltivazione naturale e non …

Il nucleare sorpassato dal fotovoltaico avanza nell'ombra

Il decreto legge sul nucleare del 21 agosto 2008 e poi l'approvazione definitiva dell'11 febbraio 2010 è passato un po in sordina, come se nulla fosse. Personalmente ho provato rabbia, apprensione ed incredulità. Mi sembrava impossibile che il nostro paese riprendesse questa strada. La legge prevede che le imprese costruttrici individuino i siti per la realizzazione degli impianti, che i cantieri aprano nel 2013 per iniziare a produrre energia elettrica dal 2020. Prevede anche un contentino per i cittadini delle aree coinvolte che riceverenno dei benefici in termini di acquisto agevolato dell'energia e riduzione delle tasse comunali. Ecco fatto!

Ma le tecnologie per la produzione dell'energia elettrica subiscone delle variazione nel tempo dovute a molteplici fattori. E mentre fotovoltaico ed eolico si stanno dimostrando sempre più efficienti il nucleare segue un trend opposto. In un recente articolo del New York Times viene annunciato l'atteso crossover fissato a …

Decalogo antizanzara

Per affrontare al meglio l'estate avevo già pubblicato il mio decalogo anticaldo. Ma l'estate è anche la stagione delle zanzare che in alcuni casi possono guastarci il sonno e la nostra permanenza all'aria aperta.

Mi ricordo di alcuni anni fa che fummo invitati ad una cena in una bellissima cascina in periferia di Torino nella zona delle risaie. Il proprietario era fra l'altro un produttore di riso e tra le varie portate non mancò di offrirci un ottimo rispotto allo zafferano. La serata fu affascinante ma mi ricordo anche che passammo buona parte del tempo a darci schiaffoni per contrastare gli attacchi e quando tornammo a casa, avevamo il viso tumefatto per i bubboni e le grattatine ma di sicuro anche per le manate.
Per difendersi bisogna conoscere bene il nostro nemico.

Sappiamo che alcuni individui vengono misteriosamente risparmiati dalle zanzare mentre altri le attraggono come il miele. Mia moglie ad esempio piace molto e starle vicino è una garanzia per evitare q…

L'eco-metro e la rivincità degli sfigati

Se il nostro vicino di casa lanciasse l'immondizia dal balcone e bruciasse i vecchi copertoni del Jeeppone per disfarsene vi passerebbe la voglia di essere così ecologici o forse vi verrebbe quella di strozzarlo. Ci indigniamo meno per altre cose ugualmente devastanti per l'ambiente come i viaggi in aereo, lo shopping superfluo o altri eccessi. Così non si capisce bene quale sia il limite.
Ci vorrebbe un devasto-metro o un eco-metro capace di dare un peso alle nostre azioni. Dovrebbe essere in grado di rendere grandezze omogenee i nostri consumi ed i nostri rifiuti di qualsivoglia tipologia. Una scampagnata in auto varrebbe -187 punti, una fiorentina alla griglia -28, una tirata di sciacquone -3 e così via. Avremmo a disposizione un budget di 5000 punti da consumare nel corso dell'anno. Chi lo esaurisse troppo in fretta dovrebbe fermarsi o guadagnare altri punti con lavori sociali o qualcosa del genere.

Inaspettatamente l'ecologia ha reso virtuosi tutti quegli individui…

Google Earth e la nuova funzione tempo meteorologico

Le previsioni meteo per me sono importanti. Non quanto per un uomo di mare o un aviatore ma abbastanza da farmi interessare alla questione. Sapere come sarà il tempo mi permette di posticipare un trattamento, di anticipare un raccolto, di modificare i parametri d'irrigazione dell'orto e magari di mettere al riparo tutti quegli arnesi e cianfrusaglie che finiscono sparpagliate nel giardino.

L'altro ieri mattina, ad esempio, ho raccolto tutto quel che potevo dall'orto perchè avevano annunciato violenti temporali in quest'area. Così mi son ritrovato con circa 40 kg di pomodoro ed ho trascorso il resto della giornata a preparare la passata con mia moglie. Dopo la tempesta di ieri abbiamo però avuto la soddisfazione di essere stati previdenti.

A giudicare dalla diffusione e frequenza dei bollettini meteo in TV ed internet sembra che il bisogno di sapere che tempo farà sia una esigenza di molti. Le previsioni vengono ascoltate e consultate prima di intraprendere un viagg…

I nomi degli Agriturismi

Al momento di scegliere il nome dell'agriturismo ci siamo trovati un po in imbarazzo. Non abbiamo proceduto col metodo ed il rigore che suggerirebbe un professionista del campo ma con un po di buon senso e spesso più come un gioco.

Confrontandoci con altri agriturismi esistenti abbiamo ben presto scoperto che i nomi degli alberi erano già tutti impegnati: il Pino, la Quercia, l'Olivo, il Melograno, ... rimanevano solo alcune piante rare come il Noce del Caucaso, il Fico Gigante ed alcune altre ormai in via di estinzione o che su questa terra si rifiuterebbero di crescere. Alcuni nomi degli alberi più tipici di questo territorio erano così inflazionati che per mantenere un minimo di originalità si doveva ricorrere a piccoli stratagemmi: il Pino, i Due Pini, i Tre Pini, ... fino alla Pineta intera.

Non ci siamo scoraggiati e siamo passati a scandagliare l'universo dei frutti e degli ortaggi. Naturalmente i frutti più facili se li erano già accaparrati: la Noce, il Melo, ...…

Il teatro del silenzio sarà messo a tacere... forse

A pochi giorni dalla quinta edizione del concerto di Andrea Bocelli a Lajatico, in Toscana molti si interrogano sul futuro del Teatro Del Silenzio. Le parole del tenore hanno lasciato tutti di sasso.

Per chi non lo conoscesse, il Teatro Del Silenzio è un teatro naturale che nasce sulle colline di Lajatico, città natale di Bocelli, sfruttando la conformazione del terreno. In occasione del concerto vengono montate le infrastrutture per ospitare migliaia di persone e lo stage ma terminato lo spettacolo il teatro viene completamente rimosso.  Resta solo un piccolo palco circolare con una enorme statua al centro ed attorno la terra dei campi della collina.
Mia moglie ed io assistemmo ad una delle edizioni precedenti e fu davvero un'esperienza indimenticabile. Dalla Volterrana, che da dove abitiamo conduce a Lajatico, insieme ad altre auto fummo smistati tra vari parcheggi realizzati nei campi. Sul terreno c'era ancora l'erba appena tagliata. Dai parcheggi si snodavano lunghe…

Olive tree pruning

The Tuscanycountryside attracts many strangers that deside to live here maybe in a farm house surrounded by olive trees and vignard. So today I decide to write in english a simple guide to prune olive trees effectively.
When you prune olive trees there are two fundamental objectives:
keep the olive form (shape)get product
Here in Tuscany the olive trees are vase-shaped with three or four main branches. Personally I prefer to contain the height around 4-5 meters. In this way, the most of the pruning and harvesting can be done from the ground avoiding use of stairs with safety advanteges. In the past they preferred taller plants to get firewood and to prevent livestock to damage the lower leaves.
Plants must be sized for the nutrition available.

The photo below shows an abandoned, unproductive olive grove. The vegetation is present only in the upper.

This happens even after a frost, a fire or when the plant is infested with weeds. In this case, perhaps, it should be better to cut th…