Passa ai contenuti principali

Le erbe spontanee commestibili in Toscana

Oggi ho trascorso una splendida giornata all'aria aperta potando alcuni meli e segando un pò di legna per il prossimo inverno.



In questo periodo la vegetazione e completamente impazzita e non ho potuto fare a meno di ammirare i campi tappezzati di tarassaco.



In Toscana l'uso delle erbe selvatiche è assai diffuso e si tramanda di generazione in generazione. Come accade per i funghi, anche per le erbe commestibili conviene imparare a conoscerle e a consumarle facendosi consigliare da chi le ha sempre utilizzate. In questo modo la scelta potrà essere limitata a poche decina di piante ma si avrà la certezza di concentrarsi su quelle sicuramente commestibile, reperibili e con una buona resa in cucina.

Qui ho sorpreso un vero esperto del settore!!!



La ricerca e raccolta delle erbe avviene principalmente in primavere. Per essere certi di consumare un prodotto naturale conviene cercarlo lontano dalle città e dalle strade molto frequentate. La campagna è perfetta per questo purchè i terreni (ed anche quelli del vicino) non siano stati trattati con concimi chimici, diserbanti e pesticidi. Chi vive in città può partecipare ad una delle tante scampagnata organizzata appositamente per riconoscere le principali erbe spontanee commestibili oppure concedersi una rilassante pausa in un agriturismo.

Le erbe raccolte vanno lavate bene. Per quelle da consumare crude in insalata vanno scelte le foglie più tenere mentre quelle da cuocere vanno cotte in poca acqua con un pò di sale.

Tra le erbe commestibili più comuni vi sono:


e tante altre senza contare le aromatiche come il finocchietto selvatico, la menta e l'origano selvatico.

Ecco una bella foto del tarassaco.



Ma naturalmente, ci sono anche erbe non commestibili perché sgradevoli o tossiche che è comunque bene conoscere. Di seguito riporto un elenco che spero nel tempo di ampliare.

Commenti

  1. Io conosco una pianta di nome Cestaccio (Toscana) pero non so il nome scientifico,mi potete aiutare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non la conosco con questo nome ma proverò ad informarmi.
      Un saluto
      MaxT

      Elimina
  2. molto interessante metterò il tuo blog
    fra i preferiti , anche se sei pisano..beh nessuno è perfetto :D
    scherzo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mauro, e scusami se ti rispondo in ritardo. Ti ringrazio per l'apprezzamento. Per la verità non sono un vero pisano e comunque non sono perfetto.
      Un saluto

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Smaltimento acque reflue - fossa Imhoff e subirrigazione

Le case in campagna difficilmente possono usufruire dell'allacciamento alla rete fognaria e devono provvedere autonomamente alla realizzazione di un impianto di depurazione a norma di legge che tratti opportunamente le acque reflue.

La pratica più diffusa è di convogliare tutti gli scarichi ad una fossa Imhoff collegata ad un impianto di subirrigazione. La norma prevede inoltre che gli scarichi delle cucine, prima di entrare nella Imhoff siano intercettati da pozzetti sgrassatori.
Foto: pozzetti sgrassatori (mancano ancora le tubazioni in ingresso!)

Le fosse Imhoff sono costruite generalmente in polietilene e sono composte da una vasca principale detta digestore (dove avviene la fermentazione anaerobica - processo biologico) e da una seconda vasca, posta all'interno della prima, detta sedimantatore (processo fisico).
Foto: fossa ImHoff

Come calcolare il volume di una fossa ImHoff?
La dimensione (il volume) delle fosse imhoff si basa sul numero di Abitanti Equivalenti (AE) tenend…

Quanto rende un uliveto

Quest'anno, qui in Toscana, la raccolta delle olive non è stata così abbondante come l'anno scorso. I più lamentano un calo di circa il 50%. Si tratta di dati non rigorosi appresi dal vicinato e da qualche "chiacchiera da frantoio".
Con la raccolta e frangitura delle olive oramai al termine è anche il momento di bilanci. Naturalmente in questa analisi considererò dei dati medi relativi all'area delle Colline Pisane ed ipotizzando la gestione di un piccolo appezzamento di terreno a gestione familiare in regime di coltivazione biologica. Per grandi coltivazioni le cose sono assai diverse.

Torniamo allora al nostro piccolo uliveto e visto il periodo iniziamo i nostri ragionamenti a partire dalla raccolta eseguita in modo tradizionale a mano. In media da un albero si ricavano 15 kg di olive.In una giornata si raccolgono circa 90 kg di olive, circa 6 piante.Con queste ipotesi, nel periodo di raccolta, che và dal 15 ottobre al 15 dicembre, per un totale di 60 giorni di …

La potatura dell'olivo - potatura di produzione

Nella potatura di produzione degli olivi ci sono due obiettivi fondamentali:
mantenere la formaavere prodotto Qui in Toscana le piante sono allevate a vaso con tre o quattro branche principali.


Personalmente preferisco contenerne l'altezza attorno ai 4-5 metri. In questo modo buona parte della potatura e della raccolta può essere fatta da terra e comunque non è necessario utilizzare scale alte a vantaggio della sicurezza. Un tempo si preferivano piante più alte per ricavarne legna da ardere e per evitare che il bestiame rovinasse le fronde più basse.
In generale la pianta và dimensionata per il nutrimento disponibile.

Nella foto sotto mostro un oliveto abbandonato ed improduttivo. La vegetazione è solo in alto.


Ciò accade anche dopo una gelata, un'incendio o semplicemente quando la pianta èinfestata dai rovi. In questo caso converebbe forse tagliare la pianta al piede ed allevare i polloni.
In ogni caso ogni 15-20 anni una pianta può essere tagliata al ceppo per ringiovanirla.…

Trattamenti dell'olivo

Dei veleni non vorrei parlarne ma è tuttavia necessario conoscere il loro modo di agire per comprenderne le implicazioni ed i pericoli.
Quando, per contrastare la mosca dell'olivo, si trattanogli olivi con i veleni si colpisce la larva (trattamenti larvicida), non le uova e tantomeno la mosca. Il problema è capire se la larva è viva. In questo caso è il momento di trattare, sempre che non si voglia raccogliere a breve!

Per analizzare le olive e l'eventuale presenza di larve si può utilizzare una lente da filatelico.

I prodotti ad elevato potere di citotropicità, penetrano molto all'interno del frutto, in profondità. La larva muore perchè mangia la polpa avvelenata.
Un altro parametro da tener presente è il tempo di carenza (mediamente 30 giorni). Bisogna attendere il tempo di carenza prima di raccogliere perchè al di sotto di questo tempo il veleno risulta ancora attivo, per noi! Per la mosca, o meglio per la larva, ciò che conta è la capacità di essere attivo (mediamente…

Cassetta Geberit, un rompicapo idraulico

Oggi ho avuto un incontro ravvicinato con la cassetta Geberit. Si chiama così uno dei più eleganti e funzionali sistemi di risciacquo. Per chi non la conoscesse sto parlando dello sciacquone del WC, così come lo abbiamo sempre chiamato, in modo chiaro ed efficace, da alcuni secoli a questa parte.

Tornando alla Geberit, dopo 5 anni di impeccabile servizio, questa mattina ha iniziato a perdere, o meglio a lasciar scorrere un rigagnolo d'acqua senza interrompersi come avrebbe dovuto.

Il modello in questione è la Geberit Unica con i due pulsanti che permette fra l'altro di ridurre i consumi di acqua. Armato di cassetta degli attrezzi ho iniziato a smontare la mascherina. Sotto la mascherina si trovano ancora alcuni elementi da rimuovere, una placchetta ad incastro che blocca le due levette che azionano il risciacquo, poi una piastrina su cui è incollato un foglietto con le istruzione ed il telaio. Le istruzioni, relative allo smontaggio appena descritto, sono una sequenza di vign…