giovedì 28 marzo 2013

La verità sul cibo, miti e credenze sugli effetti degli alimenti sulla nostra vita

Con la puntata di ieri sera termina il ciclo di 6 puntate, trasmesse da Rai 5, sull'alimentazione. La serie dal titolo La verità sul cibo (The truth about food) è prodotta dalla BBC e si propone con un approccio scientifico (ma anche divertente), basato sulla sperimentazione e la collaborazione di un assortito gruppo di volontari, di verificare quanto c'è di vero su molte credenze e luoghi comuni sugli effetti del cibo in una serie di ambiti (salute, linea, performance, etc.)


Qui sotto potete vedere il promo della tasmissione.

 

Ciascuna puntata è dedicata ad un tema ben preciso secondo il seguente schema:
  • Puntata 1 - MANGIARE SANO
  • Puntata 2 - ESSERE SEXY
  • Puntata 3 - ESSERE BRAVI GENITORI
  • Puntata 4 - MANTENERSI MAGRI
  • Puntata 5 - RESTARE GIOVANI
  • Puntata 6 - DIVENTARE FORTI

Purtroppo le puntate non sono disponibili on line in italiano ma, se l'argomento vi interessa, ho riportato qui di seguito i principali risultati. Per ora vi dovrete accontentare della sintesi di una puntata ma spero di aggiungere presto anche le altre. Per chi invece conosce l'inglese ecco il link al sito della BBC.

LA VERITA' SUL CIBO - MANTENERSI MAGRI

Una questione di metabolismo
La trasmissione iniziava mostrando due amiche sulla quarantina, una fin troppo magra e l'altra decisamente ben messa, Quest'ultima, come spesso accade, provava una certa invidia per l'amica longilinea. Sosteneva che nonostante l'amica mangiasse tutto quel che voleva non ingrassava, mentre a lei... bastava che guardasse il cibo per prendere peso.  In altre parole attribuiva le loro diverse linee ad un diverso metabolismo.

Le due donne sono allora state sottoposte per 12 ore ad un test per misurare il metabolismo. E' risultato che questo fosse del tutto paragonabile. Hanno allora provato a misurare il quantitativo ci cibo assunto dalle due amiche durante un certo periodo di tempo. E' risultato che la donna più grassottella mangiava circa il 50% in più.

La conclusione è in fondo banale. Benchè non si possa escludere che alcune persone abbiano un metabolismo più lento rispetto ad altre, se una persona tende ad ingrassare è per una ragione semplicissima: mangia più del necessario.

Carboidrati, proteine, grassi... quale cibo ci tiene più lontani dal frigorifero?
Qui il test consisteva nel verificare quale categoria di cibi tra carboidrati, proteine e grassi fornisse una maggiore sensazione di sazietà. I tre volontari si sono quindi sottoposti ad una differente dieta. Il primo con cibi ricchi di carboidrati (pasta, pane, etc), il secondo con piatti prevalentemente a base di proteine (carne, prosciutto, etc) ed il terzo con pietanze ricche di grassi (pancetta, etc).
E' risultato che chi aveva ingerito proteine si sentiva sazio più a lungo rispetto a chi aveva ingerito carboidrati e acor di più rispetto a chi aveva ingerito grassi. Naturalmente tutto ciò a parità di contenuto calorico dei cibi. 

Cibi solidi o cibi liquidi (frullati)
In questo esperimento sono stati confrontati due pasti costituiti da un po' di carne con contorno ed acqua da bere. Ad una coppia di persone sono stati somministrati in forma solida mentre ad un'altra in forma di frullato. L'obiettivo era quello di verificare quale modalità di somministrazione mantenesse sazi più a lungo. Per rendere l'esperimento meno noioso, le due coppie di volontari, dopo il pasto, dovevano raggiungere in auto una certa destinazione. Ebbene, la coppia che aveva mangiato il pasto frullato aveva percorso un tratto di strada maggiore di circa un centinaio di chilometri (un'ora in più di autonomia) prima di decidere di fermarsi per mangiare.
La spiegazione di questi effetti così diversi è stata imputata al fatto che l'acqua ingerita insieme ai cibi solidi attraversa lo stomaco immediatamente mentre, nel caso del frullato, il liquido, ricco di nutrienti, permane nello stomaco più a lungo per essere digerito. Al di là della spiegazione resta il fatto che i pasti frullati saziano più a lungo (e devo dire che anche a me passerebbe la fame!).  

Lasciare resti / avanzi sul tavolo
In questo eperimento sono state servite coscie di pollo a volontà a due diverse tavolate di persone. In una, però, i resti (ossa di pollo) venivano lasciati in tavola mentre nell'altra tavola man mano che divoravano i cosciotti portavano via i resti. A fine banchetto è risultato che là dove avevano lasciato i resti sul tavolo i commensali avevano mangiato molto meno (circa il 15%). Insomma vedere quanto si è già mangiato riduce un po' l'appetito.

Grassi e calcio (latticini, latte, yougurt, formaggi)
Questo esperimento è stato particolarmente interessante per il risultato ma coraggioso da mettere in atto (specie per le due ricercatrici). Per un lungo periodo di tempo sono state analizzate le feci di un volontario per verificare il contenuto di grassi presenti in esse, seguendo una dieta convenzionale e poi seguendo una dieta più ricca di latticini. Le ricercatrici hanno scoperto che i grassi assunti insieme al calcio vengono eliminati dall'organismo in misura maggiore (circa il 10% se non ricordo male). Per chi ha problemi di linea suggeriscono comunque di utilizzare latte, yogurt e formaggi magri.

Nella puntata suggeriscono inoltre di non preparare mai eccessive quantità di cibo perché le buone forchette tendono a finire tutto ciò che trovano sulla tavola. E' bene quindi cucinare solo ciò che serve. Meglio, inoltre, evitare i cibi pronti ma dedicare del tempo alla loro preparazione. Tenersi impegnati, infatti, e non solo a cucinare ma anche coltivando interessi, distrae i golosi dai loro pensieri più ricorrenti.

domenica 24 marzo 2013

La sigarette elettroniche, per google un argomento (quasi) tabu

Molti di voi si saranno accorti che le sigarette elettroniche ed i prodotti ad esse correlati come gli e-liquid ed i vari accessori, non compaiono negli annunci adsense di Google. Nelle politiche (termini e condizioni) Adsense e AdWords, infatti, le sigarette elettroniche sono assimilate ai prodotti del tabacco o derivati dal tabacco, una categoria che, insieme ad altre, Google non desidera favorire.

Adsense
In poche parole, il programma Adsense non è quindi ammissibile su siti, blog, forum, etc che promuovono o vendono sigarette elettroniche. In caso di violazione il rischio è di essere bannati dal programma.

"The AdSense program policies prohibit Google ads on sites which sell or promote drugs or drug paraphernalia. This includes drug accessories, illegal or prescription drugs, and herbal drugs such as salvia and magic mushrooms. Ads are also not permitted on pages which sell or promote the sales of beer, hard alcohol, or liqueurs. Additionally, publishers are not permitted to place ads on sites which sell or promote tobacco and tobacco-related products, including cigarettes, cigars, tobacco pipes, and rolling paper."


A questo link potete trovare maggiori informazioni.


AdWords
Per quanto riguarda le campagne AdWords il discorso è complementare: gli annunci AdWords che promuovono le sigarette elettroniche non vengono accettati.

"Google AdWords doesn't allow the promotion of most tobacco or tobacco-related products. The promotion of tobacco or tobacco-related products includes cigarettes, cigars, tobacco pipes, rolling papers, electronic cigarettes, and e-cigarette cartridges."

A questo link trovate maggiori informazioni.

Da quel che posso capire la sigaretta elettronica non è un argomento del tutto tabu per Google, ma quasi. Credo che, ad esempio, sia ammissibile raccontare della propria esperienza sullo svapo, informare sulle ultime ricerche,...  ma già parlarne in toni troppo entusiati, suggerirne un modello, un sito dove acquistare o magari consigliarne l'utilizzo al posto di quelle tradizionali potrebbe essere considerata una forma di promozione della e-cig. O forse ho capito male!

Update!
Devo aver sicuramente capito male perché ora vedo annunci adsense che hanno chiaramente a che fare con il tabacco e con le sigarette elettroniche. Che succede! Sono cambiate le regole, questi annunci sono passati inosservati oppure in tempi di crisi si chiude un occhio?




venerdì 15 marzo 2013

La eGo C upgrade e le due modalità di funzionamento

Inizialmente pensavo si trattasse di un difetto. Una delle due batteria fornite nel kit Joyetech eGo C mostrava un comportamento per me anomalo. Il colore del led, che si illumina quando si preme il pulsante per svapare, era di colore giallo / arancione e non bianco come nell'altra. Entrambe le batterie, comunque funzionavano bene, e non notavo differenze significative.

Quel colore arancione, però, mi infastidiva e così sono andato sul sito della Joyetech cercando di capire quale fosse il problema.

In realtà non si tratta di una anomalia. Le nuove batterie Joyetech, che si riconoscono per la scritta eGo C upgrade riportata sullo stilo, possono funzionare secondo due modalità.

La prima prevede una uscita costante di tensione (3,3 Volt), e questa è la modalità con cui funzionavano i modelli precedenti e riconoscibile per il colore del led bianco (o azzurro / blu quando diminuisce la carica della batteria o nelle fasi di accensione e spegnimento) . La seconda prevede una uscita di tensione variabile e si riconosce per il led di colore arancione.

Passare da una modalità all'altra è semplicissimo. Bisogna innanzitutto spegnere la batteria con i 5 click. A questo punto basta premere per almeno 5 secondi il pulsante. Riaccendendo la batterie questa funzionerà nella nuova modalità.

Nella modalità a tensione variabile il comportamento della batteria è leggermente diverso. A piena carica la tensione di uscità è di 4,15 Volt, producendo più vapore e dando una sensazione di svapo migliore, mentre man mano che la batteria si scarica la tensione scenderà a 3,6 Volt. In questa modalità non viene segnalata con i colori del led prima azzurro (tra 50% e 10% di carica ) e poi blu (inferiore al 10% di carica ) la progressiva diminuzione della carica residua. Raggiunto il livello minimo la batteria si auto-spegnerà avvisandovi con i 5 lampeggi del led (che in questo caso saranno di colore arancione).

Bisogna tener presente che nella modalità a tensione variabile, a fronte di uno svapo più corposo, la durata della batteria sarà leggermente inferiore.

domenica 10 marzo 2013

Il burek, se lo provi poi ti manca

Tra i cibi che rappresentano la cucina dei Paesi Balcanici, fra cui Serbia, Crozia, Bosnia, Macedonia, il burek ha certamente un posto di rilievo.

Il mio preferito è quello al formaggio seguito da quello alle ciligie o alle mele ma si trova anche quello alla carne e forse ne esistono con altri ingredienti.

Il burek è uno di quei cibi che lasciano il segno, entra nel DNA, ed è ricordato con nostalgia da chi, da quei paesi, si è trasferito altrove. In Italia non esiste qualcosa di simile ed è impossibile da riprodurre. Forse il segreto sta nella pasta, una sfoglia sottile con la quale infagottano il ripieno per poi cuocerla al forno.


Nel video qui sotto potete ammirare la preparazione del burek, è uno spettacolo. Ricorda un po' i nostri pizzaioli, quelli più acrobatici, ma per il burek la sfoglia di pasta raggiunge le dimensioni di un lenzuolo.


Voi, naturalmente, non provate ad imitarlo perchè se vi dovesse sfuggire la presa potreste avvolgere il vostro partner o un mobile e non so se la pasta si stacca facilmente.

Nelle mie frequenti permanenze in Serbia ho potuto apprezzarlo, come spesso usano da quelle parti, servito con una ciotola di yogurt bianco di pecora. Un accoppiamento inusula per chi, per colazione, ha in mente solo brioche e cappuccino/caffè. All'abbinamento con lo yogurt, comunque, ci si abitua presto, ciò che invece ogni volta mi sorprende sono le porzioni che (spero di non esagerare) facilmente raggiungono i 500gr.

Il burek viene venduto nelle panetterie e in piccoli chioschi specializzati che spesso aprono solo nelle prime ore del mattino. Nei bar è invece raro da trovare, ma i bar, da quelle parti, sono un discorso a parte: sono pensati più per bere che per mangiare.

sabato 2 marzo 2013

Ego2, un sito competitivo ed affidabile dove acquistare e-cig ed accessori


Per l'acquisto delle sigarette elettroniche e di tutto ciò che serve per svapare, dagli accessori ai liquidi, mi sono affidato ad un sito di e-commerce Polacco, ego2. Una scelta maturata dopo ore di navigazione tra forum, blog ed altri siti che vendono sigarette elettroniche online ma soprattutto grazie ai suggerimento di alcuni guru delle e-cig che già popolano la rete.


I punti di forza di ego2 sono molti a partire dalla disponibilità di prodotti di buona qualità come quelli della Joyetech. I prezzi, inoltre, sono decisamente più competitivi rispetto ai negozi fisici ed online italiani ed il servizio è affidabile. Se non conoscete il polacco non dovete preccuparvi, è disponibile anche una versione in tedesco ed inglese.

Per la spedizione della merce ci sono varie opzioni ma sin'ora ho scelto sempre quella tramite corriere UPS che è un po' piu costosa ma anche più rapida. In soli cinque giorni, partendo da una località impronunciabile della Polonia, Gdansk,  i vari pacchetti sono giunti a destinazione (colline toscane).

Immagino che per chi abita al nord i tempi possano essere ridotti mentre chi vive nel profondo sud dovrà pazientare qualche giorno in più.

Indubbiamente la soluzione di rivolgersi ad un negozio fisico, magari dietro l'angolo di casa, offre i suoi vantaggi. Inizialmente, quando ancora non avevo le idee chiare sull'argomento e-cig, ero passato da un negozietto della smooke a Pisa. Una piccola vetrina attorniata da altre botteghe con le serrande abbassate a testimoniare come si è inguaiato questo paese ma anche i tempi che cambiano; il bussiness delle sigarette elettroniche, infatti, va a gonfie vele.

In quel negozietto la fila dei clienti proseguiva sul marciapiede. All'interno un commesso si prodigava in spiegazioni sull'utilizzo delle e-cig, con demo e poderose svapate conducendo i clienti verso la giusta scelta con micro interviste: Quanto fuma? Cosa fuma? Da quanto fuma? Dove fuma?... Dopo quasi un'ora di attesa abbandonai l'impresa ma ormai avevo appreso tutti i rudimenti e mi sentivo pronto per procurarmi l'occorente ordinandolo online. L'acquisto in un negozio fisico, però, può essere la giusta scelta sia per chi è alle prime armi che per tutte quelle persone che non sono pratiche di internet e che preferiscono acquistare l'occorrente volta per volte.

La convenienza dell'acquisto online è infatti evidente se gli acquisti sono corposi, in modo da spalmare l'incidenza dei costi di spedizione su più prodotti, ed evitando anche il traffico di frequenti ordini ed attese delle consegne.

Ed ecco il mio acquisto. Oltre ad un nuovo kit di ego C ho fatto incetta di liquidi, di cartucce ed atomizzatori. Una spesa di quasi 200 euro che dovrebbe soddisfare le mie esigenze per i prossimi 5 o 6 mesi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari