martedì 5 gennaio 2010

Lanciarsi, si, ma con il paracadute

Qualche giorno fa ho annunciato il mio switch off. Una decisione a lungo pianificata e ben organizzata che si basa su solide alternative. Oltre a gestire un'impresa agricola già produttiva ed una serie di ulteriori attività sempre connesse con questo luogo che renderanno l'impresa più multifunzionale e meno legata alla mera produzione agricola, continuerò ad esercitare come ingegnere libero professionista. Mi concentrerò maggiormente su temi ecologici dall'impiantistica alle certificazioni energetiche ma anche su automazione/domotica e consulenza/progettazione di sistemi d'intrattenimento dal momento che mi sono occupato di questo per diversi anni. Fatto non trascurabile, mia moglie, oltre ad aver curato la ristrutturazione dell'edificio e degli interni lavora da più di vent'anni come libera professionista nel campo dell'arte.


Ci tenevo a precisare questi fatti per evitare che, in questo periodo di passaggio al nuovo anno, quando la gente è particolarmente propensa a rinnovarsi, ad assegnarsi nuovi traguardi o propositi, vi sia qualche emulatore che decida di abbandonare il proprio lavoro, magari il posto fisso, per ritrovarsi in serie difficoltà.
Ebbene fatelo se vi sono i presupposti giusti.

Naturalmente il mondo non è e non sarà mai deterministico ed una componente di aleatorietà rimarrà per tutti.
A me piace chiamarla avventura.

Link correlati:
Il mio switch off
Scappo dalla città per vivere in campagna

8 commenti:

  1. In bocca al lupo per la nuova vita!
    Mi piace considerare il cambiamento come un'opportunità :-)
    Buon 2010!

    RispondiElimina
  2. Crepi il lupo!!!
    Beh, qualche opportunità credo proprio di averla ma penso che solo cambiando se ne possano trovare di altre.
    Buon 2010 anche a te.

    RispondiElimina
  3. da bravo ing hai calcolato tutto! Beh anche io da bravo rag avevo fatto 4 conti prima di avventurarmi nel no profit :-D mettersi "in proprio" ovviamente è ancora più rischioso... e pertanto bisogna pensarci bene, coem hai fatto te, prima di ritrovarsi peggio di prima. Uè, ma non è che adesso la consulenza sulla potatura degli olivi me la fai pagare???

    RispondiElimina
  4. Beh Marco non ti preoccupare per i costi di consulenza ti farò un prezzo di favore o forse potresti ricambiare aiutandomi a raccogliere le olive.
    Certo, bisogna pensarci bene ma è anche vero che solo trovandosi in una nuova situazione si inizia ad ingegnarsi.

    RispondiElimina
  5. sisi! vengo ad aiutarti! mi piace sta cosa.
    hai ragione anche nell'igegnarsi quando arriva la nuova avventura: solo quando sei dentro fino al collo si riesce a trovare le giusta visione per organizzare le cose. Almeno, a me succede così.

    RispondiElimina
  6. Grazie anche a te di esser passato a trovarmi!

    RispondiElimina
  7. Ehm... mi sento un po' chiamata in causa... Max, tranquillo, non c'è rischio di decisioni azzardate... bisogna ancora fare il punto della situazione, guardare cosa offre il mercato... insomma... non c'è pericolo. Sono una persona troppo cauta io! :D
    E poi... magari ad avercelo un posto fisso! ;)

    RispondiElimina
  8. Ma no, Danda, so che sei una ragazza ponderata:-D

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari