venerdì 13 luglio 2012

Q8easy, il self service ad impatto zero che ci fa risparmiare

Il recente salone di Pechino, segnato dal diffuso allontanamento dei costruttori dall'auto elettrica, dimostra che i motori convenzionali hanno ancora un futuro. La maggior parte delle case automobilistiche proseguirà a lavorare sullo sviluppo delle auto elettriche ma per almeno i prossimi 20 anni la produzione di massa riguarderà auto diesel e a benzina.
Resta difficile infatti pensare che vi siano persone disposte a spendere il doppio per acquistare un’auto che offre prestazioni inferiori, specie in questi tempi di crisi.
Insieme ai propulsori tradizionali resteranno in vita anche i carburanti convenzionali e la rete di distribuzione. Tutto come prima insomma, ma con progressive migliorie di tecnologie ormai affermate. Per le compagnie petrolifere che operano nel settore dei carburanti per autotrasporto la competizione si giocherà non solo sui prezzi e servizi ma anche sul piano della sostenibilità. E’ in questa direzione che si sta muovendo Q8 con l’iniziativa Q8easy.
Le stazioni di rifornimento Q8easy sono stazioni completamente self service aperte 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Ciò permette di garantire prezzi competitivi. Oltre al risparmio vi sono altri vantaggi per i clienti. Nelle stazioni Q8easy i prezzi sono esposti chiaramente e ben visibili dalla sede stradale. I sistemi di pagamento sono semplici, rapidi e moderi. Oltre al pagamento in contanti è possibile pagare con bancomat, CartissimaQ8 e carte di credito (circuito maestro, visa e mastercard). Vi è inoltre garanzia dell’erogazione: in caso di mancata erogazione, parziale o totale, viene emesso uno scontrino che riporta le istruzioni per effettuare il rifornimento su una qualsiasi stazione della rete Q8easy.
q8easy
Quest’ultimo aspetto è piuttosto importante specie per chi viaggia. Alcuni anni fa mi capitò di fare rifornimento in una stazione di servizio anonima in un luogo anonimo. L’erogatore era guasto perché, seppi dopo, un cliente era ripartito con la pistola ancora inserita nel bocchettone del serbatoio. In quell’occasione venne emesso uno scontrino di mancata erogazione che riportava il cellulare del responsabile. Quando provai a contattarlo mi disse che per il rimborso sarei dovuto tornare nella medesima stazione di rifornimento che per me era del tutto fuori mano.
Un’ulteriore aspetto positivo di Q8easy e che la maggior parte delle stazioni di rifornimento partecipano al progetto Q8easy progetto Z.E.R.O (Zero Emissioni su Rete stradale Ordinaria). Si tratta di una serie di accorgimenti enviromental friendly come l’impiego di LED nelle aree di rifornimento, di luci asimmetriche sotto le pensiline (capaci di illuminare evitando dispersioni) ed impianti fotovoltaici installati sopra le pensiline per fornire energia ad impatto zero alle stazioni di rifornimento.
L’obiettivo di Q8 è di ridurre l’impatto ambientale dei punti vendita garantendo per i clienti risparmio, sicurezza, velocità e le più moderne tecnologie. A questo indirizzo puoi verificare la presenza di stazioni di rifornimento Q8easy nella tua area e trovare informazioni sui prezzi dei carburanti ed eventuali promozioni.
Articolo sponsorizzato

giovedì 5 luglio 2012

Raccolta acqua piovana - dimensionamento dell'impianto

Perché realizzare un'impianto di raccolta dell'acqua piovana

Come ormai tutti noi sappiamo l'acqua è una risorsa limitata indispensabile per la nostra esistenza. In alcune regioni, specie nei periodi più aridi, scarseggia e le falde, i bacini e gli acquedotti, etc non sono sempre in grado di soddisfarne la domanda. In futuro la situazione è destinata ad aggravarsi ed i costi dell'acqua a crescere. Per approfondire l'argomento leggi questo articolo.

L'acqua piovana, invece, può essere considerata a tutti gli effetti una risorsa rinnovabile (come il sole!), possiamo usarne quanta ne vogliamo ed è gratis. L'impiego di acqua piovana, insieme al risparmio idrico, possono contribuire a rendere questo prezioso elemento disponibile per tutti (gravando meno sulle sorgenti tradizionali).

L'acqua piovana è idonea per molti utilizzi ma non copre tutte le nostre esigenze.

Ecco un elenco di impieghi tipici dell'acqua piovana:
  • irrigazione (questo è l'utilizzo principe)
  • lavaggio di aree esterne (pavimentazioni, etc)
  • lavaggio auto ed altri manufatti
  • alimentazione delle cassette di scarico dei WC
  • alimentazione di lavatrici
  • piscina (con alcune accortezze potrebbe essere una soluzione praticabile, l'argomento è da approfondire)
  • impieghi industriali
  • sistemi antincendio
  • etc
Note: Per alimentare WC e lavatrici l'impianto deve essere predisposto o adeguato (cosa rara e complessa).

Per il resto degli impieghi (acqua potabile, igiene personale, uso alimentare, etc) bisogna fare ricorso all'acqua dell'acquedotto, quindi, i due impianti devono coesistere.

A mio parere, la scelta di realizzare un'impianto di raccolta dell'acqua piovana deve essere ben motivato. Di sicuro non ne vale la pena per annaffiare le piantine di basilico sul davanzale della finestra. I motivi  devono avere consistenza (scarsità di acqua, costi elevati, consumi elevati, impieghi per cui non è ammesso far ricorso all'acqua dell'acquedotto, etc). Fermo restante l'aspetto ecologico, la scelta di ricorrere ad un'impianto per la raccolta dell'acqua piovana è dovuto a convenienza economica, obbligo o necessità. 

Vediamo allora come dimensionare i due elementi fondamentali dell'impianto, la cisterna e la superficie di raccolta.

Calcolo semplificato del volume della cisterna per la raccolta acqua piovana


A volte si calcola il volume della cisterna tenendo conto dei giorni consecutivi di assenza di precipitazioni e moltiplicandolo per il consumo medio giornaliero. Ad esempio, nel caso di 24 giorni consecutivi di assenza di precipitazioni e di un consumo medio giornaliero di 0,5 mc risulta che:

Volume cisterna = 24 x 0,5 = 12 mc

Naturalmente la superficie di raccolta (tetto, altre coperture, etc) deve essere adeguata. In modo molto approssimativo si potrebbe verificare che:

 acqua raccolta dal tetto in media in un anno > consumi annui

Questo tipo di calcolo presuppone un consumo pressoché costante nel tempo e mira a soddisfare i fabbisogni di acqua nei periodi più siccitosi. E' quindi un buon metodo nella maggior parte dei casi ma non è adatto per valutare situazioni specifiche.

Se ad esempio il consumo di acqua è concentrato maggiormente in periodi piovosi, il metodo precedente porterebbe ad un sovradimensionamento della cisterna. Consideriamo ad esempio un autolavaggio che, proprio nel periodo di maggior siccità (estate) chiude per ferie oppure un frantoio che concentra l'attività in pochi mesi a cavallo tra autunno ed inverno. A che serve calcolare la cisterna con la formula precedente? In questi casi, per il dimensionamento dell'impianto, sarebbe opportuno eseguire una simulazione.

domenica 1 luglio 2012

Chiamate internazionali, quando la Nuova Welcome Home di Telecom conviene

Con quasi 5 milioni di stranieri che vivono in Italia, l'esigenza di telefonare all'estero a tariffe ragionevoli (low cost) per mantenere i contatti con familiari ed amici è sempre più diffusa e sentita. Scegliere tra le numerose offerte non è affatto semplice. Non esiste, infatti, una soluzione unica che accontenti tutte le possibili esigenze e per orientarsi è necessario valutare caso per caso.

In molte circostanze la soluzione più conveniente è quella di mantenere i contatti tramite PC o smartphone utilizzando uno dei numerosi servizi di chiamata o videochiamata VOIP come Skype o Google Voice. Naturalmente questa è una soluzione che si presta per chi ha dimestichezza con le nuove tecnologie. Quando tra gli interlocutori vi sono persone anziane questi sistemi, ancora eccessivamente complessi e poco immediati, non sono proponibili.

Nel caso le telefonate avvengano dall'Italia verso un fisso, incredibile a dirsi, la soluzione più conveniente e ragionevole è l'offerta Nuova Welcome Home di Telecom. I costi delle telefonate risultano inferiori a quelli delle varie schede telefoniche internazionali e paragonabili a quelle dei migliori servizi 199 che, però, richiedono di dover digitare codici di accesso e di ascoltare i messaggi degli operatori.


Per quanto riguarda le schede telefoniche, è vero che queste permettono di effettuare le chiamate anche da cellulare evitando in questo modo il costo della linea fissa, ma ciò che non bisogna dimenticare è che, disponendo di una linea fissa, anche il costo delle telefonate di chi ci chiama dall'estero risulterà decisamente inferiore.


E' chiaro che l'offerta Telecom risulta conveniente per chi si concede frequenti e lunghe telefonate internazionali, ma d'altronde, per rari e fugaci contatti, il problema non sussiste.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari