Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2013

Quanto costa fumare la sigaretta elettronica e quanto si risparmia rispetto al tabacco

Oltre alla convinzione che le sigarette elettroniche facciano meno male di quelle analogiche, la loro crescente popolarità è dovuta anche a ragioni economiche. Con le sigarette elettroniche, infatti, si risparmia e neanche poco. A parità di utilizzo risultano decisamente più convenienti delle sigarette confezionate e battono anche le sigarette rollate verso le quali in molti hanno ripiegato per contenere le spese del fumo.

Per confrontare i costi annui delle tre alternative consideriamo un fumatore medio, quello da 20 sigarette al giorno.

Per il fumatore di sigarette confezionate il calcolo è semplice. Un pacchetto di sigarette al giorno dal costo di circa 5 euro in capo ad un anno porta ad una spesa di 1825 euro.

Per il fumatore di sigarette rollate, ipotizzando che una sigaretta contenga 0,6 grammi di tabacco, in capo ad un anno avrà consumato 4380 grammi di tabacco. Al costo di 18 euro per 100 grammi alla fine dell’anno avrà sborsato 788,4 euro. A questi vanno poi aggiunti i costi…

Sigaretta elettronica – standard e compatibilità tra diversi modelli

Ad eccezione di alcuni grandi marchi che producono sigarette elettroniche con standard proprietari, le sigarette elettroniche in commercio sono molto simili tra di loro. Spesso ciò che cambia, al di là dei nomi fantasiosi, è soltanto la confezione.

La maggior parte delle sigarette elettroniche, infatti, utilizzano uno dei diversi standard che si sono affermati sino ad oggi. Sono designati con le sigle 401, 510, 801, 901, 4081 e E9.

Ciò che li differenzia è il tipo di filettatura che è caratterizzata da tre parametri: diametro della filettatura (che determina anche il diametro dello stilo), passo della filettatura e tipologia dell’accoppiamento (maschio o femmina).



La sigaretta elettronica, consigli per non rimanere delusi - introduzione

La mia prima esperienza con la sigaretta elettronica è stata un fiasco. L'avevo acquistata circa tre anni fa in una farmacia ed era molto simile ad una sigaretta per l'aspetto ma molto lontana dall'offrire una sensazione simile al fumo delle sigarette tradizionali e dopo pochi giorni di deludente svapo è finita nel cassetto. Produceva poco vapore, l'aroma non mi convinceva e mancava completamente la sensazione del colpo in gola che i fumatori avvertono dopo ogni boccata, quello che in gergo chiamano Hit.

Ma forse allora c'era anche meno scelta e meno informazioni. Ora le cose sono cambiante. Sono disponibili più modelli con diverse caratteristiche, si è sviluppata una fitta rete commerciale con negozi fisici ed online ed in rete se ne parla anche fin troppo. Si è sviluppato anche un gergo specifico che forse aiuta gli adepti ma risulta ostico per chi non ha ancora sviscerato la materia. Tanto per cominciare fumare si dice svapare, la sigaretta elettronica è divent…

I migliori corsi di formazione online gratis

Quando il lavoro scarseggia si può impiegare il proprio tempo libero per coltivare un hobby, assaporare il dolce far niente, annoiarsi, disperare, ... oppure per fare formazione.

Un mio amico mi racconta che in questa zona della Toscana, segnata dalla crisi più o meno come tutte le altre, i laghetti per la pesca sportiva si sono ripopolati, e non di pesci quanto di pescatori. Ma se non siete amanti della pesca (o di qualche altro passatempo), uno dei modi più proficui per sfruttare il tempo libero è quello di ritornare a studiare.


Online si trovano tantissime risorse che offrono corsi di formazione, alcune gratuite. Il sito coursera è una di queste. Coursera è una società di imprenditoria sociale che collabora con le migliori università del mondo (Stanford University, Berklee College of Music, Columbia University, etc) per offrire corsi online per chiunque, ovunque e gratuitamente. Sono convinti che l'educazione universitaria non debba essere un privilegio di poche migliaia di elet…