sabato 20 settembre 2008

Assicurazione "a consumo"

Le salassate delle assicurazioni auto si percepiscono ancor più quando si dispone di una seconda auto o di una moto che per la maggior parte del tempo stà ferma parcheggiata nel garage o sotto casa. Ma anche molti possessori di un'unico veicolo, a volte, ne fanno un uso assai limitato. Vuoi perchè anziani, perchè amanti delle passegiate a piedi, delle pedalate in bicicletta o semplicemente perchè vicini all'ufficio.
Per quei veicoli che trascorrono lunghi periodi in letargo trovo interessante l'opzione di ricorrere ad assicurazione a consumo o pay per use che dir si voglia.
Alcune compagnie (Sara, Axa, Ras), poche per ora, propongono già polizze di questa natura.

Sara, propone due soluzioni:

Sarafree Km
- si paga una quota fissa ed una quota variabile proporzionale ai km percorsi.
Un dispositivo GPS montato a bordo controlla gli spostamenti della vettura. Oltre ai 15.000 km percorsi la polizza a km si trasforma automaticamente in polizza tradizionale.

Sarafree Day - anche in questo caso si paga una quota fissa ed una quota proporzionale ai giorni di effettivo utilizzo del mezzo. Il giorno prima e al termine dell'utilizzo dell'auto bisogna telefonare o inviare un SMS alla compagnia (che palle! E se ne ho bisogno subito!).


Per verificarne la convenienza ho calcolato vari preventivi per una Fiat Punto, ecco il confronto.
SaraBox (Assicurazione tradizionale): 600 Euro/anno
Sarafree Km: 190 Euro/anno + 0,0367 Euro/km
Sarafree Day: 350 Euro/anno + 1,936 Euro/giorno

Visto il tempo che si perde nel fare i preventivi online per oggi mi fermo qui riservandomi di proseguire l'analisi delle offerte in un altro momento. Ecco le mie conclusione con i dati ottenuti fin'ora.

Coviene Sarafree Km se si percorrono meno di 11.000 km / anno. Ovviamente meno nè fate di km è più consistente sarà il risparmio. Trovo interessente anche il meccanismo per cui oltre i 15.000 km/anno la polizza si trasforna in SaraBox (polizza tradizionale). Se non fosse così si rischierebbe una bella batosta andando a pagare di più che una polizza tradizionale. Inoltre per percorrenze intermedie (tra 11.000 km e 15.000 km) non è chiaro cosa si andrà a pagare. Temo qualche sorpresa...non mi è chiaro!

Con Sarafree Day si ottine un risparmio se si utilizza l'auto meno di 130 giorni all'anno. In pratica tra telefonate ed SMS troverei ragionevole questa soluzione per chi usa l'auto non più di due volte alla settimana, altrimenti non ne vale la pena! Non mi è chiaro se anche con Sarafree Day esista la possibilità di passare automaticamente ad una polizza tradizionale in caso di utilizzo superiore ad un certo numero di giorni. Anche qui vedo qualche rischio!

Ad ogni modo mi sembra interessante, cosa ne dite ?

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari